Ferrata

Dedicata a Casimiro Thérisod prima Guida della Val di Rhêmes, la via ferrata si snoda su di un percorso emozionante, facilmente accessibile con pochi minuti di sentiero dalla frazione Chanavey.

Garantisce divertimento a tutti grazie alle varie combinazioni possibili, i ponti tibetani, lo spigolo, il sentiero dei camosci; sono alcuni dei passaggi più caratteristici ed emozionanti di questo itinerario con una suggestiva vista panoramica. Su entrambi i versanti non sarà difficile scorgere marmotte, camosci e stambecchi saltare tra le rocce, e a volte anche l'aquila e il gipeto fanno capolino nel cielo a controllare la situazione.

Consigli pratici:

  • Le prime volte è meglio farsi accompagnare da qualcuno più esperto, aiuterà a non commettere gli errori classici di tutti i neofiti, ad esempio sganciare il moschettone dal cavo prima di aver agganciato il successivo al di là del chiodo.

  • Non vi è una regola assoluta ed obbligatoria per quanto riguarda la direzione di percorrenza della ferrata ma è buona norma percorrerla sempre in salita.

  • Utilizzare sempre imbragatura, set da ferrata tipo ad y e dissipatore ed entrambi i moschettoni.

  • Consigliato l'uso di guanti per proteggersi le mani (i cavi possono ferire). Un paio di guanti da lavoro vanno benissimo.

  • E' importante controllare dopo ogni escursione l'intero equipaggiamento.

  • Ricordarsi sempre il casco.

Dislivello: 350 m.
Difficoltà: AD (abbastanza difficile)
Tempo di salita: 1 ora e 30 percorso breve, 2 ore percorso completo
Tempo di discesa: 40 minuti percorso breve, 1 ora percorso completo
Periodo consigliato: giugno-ottobre

Torna su